.: Lupercalia – a Giunone :.

– La festa di San Valentino e le sue origini pagane –

tumblr_mht5ur6Vk11rolsbao1_1280

‘’Gli antenati Romani chiamarono Februe le ispirazioni: ora anche numerosi indizi danno conferma alla parola. [20] I pontefici al re e al flamine chiedono le lane, a cui era nome februa nella lingua degli antichi; il littore prende dalle case stabilite ciò che è mezzo di purificazione, sono denominati ugualmente il farro tostato con i granelli di sale; lo stesso nome al ramo, che tagliato da un albero intatto [25] ricopre le caste tempie dei sacerdoti con la fronda. Io stesso vidi la sposa del flamine che chiedeva februe; a lei che chiedeva fu dato un ramo di pino come februa. Infine tutto ciò che c’è con cui sono purificati i nostri corpi, presso gli avi barbuti aveva questo nome. [30] Da ciò il nome del mese, poiché i Luperci con strisce di pelle tagliata percorrono ogni luogo, e ritengono ciò una purificazione: o poiché placati i sepolcri i tempi sono puri, allora quando passavano i giorni ferali. I nostri vecchi credevano che gli oggetti purificatori[35] potessere togliere ogni crimine e ogni causa del male. La Grecia fu iniziatrice della tradizione: quella empia ritiene che i colpevoli purificati depongano i misfatti. ‘’ (Ovidio, Fasti, libro II)

 

Ai piedi del Palatino, monte su cui si ritiene fossero dapprima stanziati dei Greci immigrati dall’ Arcadia e guidati da Evandro con il figlio Pallante e poi sorta la Roma Quadrata, si narra vi fosse una grotta ricoperta di querce e contenente una fonte d’acqua. In questa Lupercale Romolo e Remo, figli di Rhea Silvia che discende da Enea e di Marte, vennero nutriti dalla famosa Lupa e da un Picchio, entrambi animali sacri al loro padre.

A ricordo di quanto successo e sicuramente per auspicio di un’ eterna fecondità alla città di Roma, fino all’epoca imperiale si sono celebrate le Lupercalia nei giorni della purificazione del 13, 14 e 15 febbraio. Durante questi giorni erano molti i numen malefici a cui ci si appellava per la purificazione, a partire dal dio Februus etrusco, poi divenuto dea Febbre che purifica dalla malaria. Ma il dio al quale queste feste erano dedicate era propriamente Luperco o Faunus Lupercus, collegato al Lupo che è animale caro a Marte e poi successivamente associato a Pane Liceo, ovvero il greco Pan.

Juno Februata, Era e Rhea Silvia. La fecondità selvaggia.

E’ noto a tutti che Giunone sia la dea protettrice del matrimonio e del parto, rappresentata spesso nell’ atto di allattare e dichiarata amica di Troia, poiché una profezia vuole la sua Cartagine distrutta dai discendenti di Enea, ovvero i Romani. Perciò un appellarsi a lei nella qualità di februata nell’ ultimo mese dell’ inverno romano, affinchè purifichi le greggi e gli uomini dalla malaria, proteggendone la fecondità, può collegarsi al fatto di voler tenere a bada la sua ‘’ira tenace’’ come ne parla il Virglio ne l’ Eneide. Sua corrispondente greca è Era (o Hera), la moglie iraconda di Zeus nonché patrona della fedeltà coniugale. Ed è qui che mi sorge spontaneo un parallelismo con Rea Silvia, di cui si narra essere stata costretta dal fratello a diventare una sacerdotessa di Vesta, una vestale ed obbligata così al voto di castità per trent’anni, quindi al non concedersi ad alcuno impedendole così di avere discendenti per il proprio regno. A causa del suo amore galeotto con Marte, di cui rimase incinta, fu seppellita viva ed i suoi figli messi in un cesto sul fiume da una serva di suo fratello per risparmiare segretamente loro la vita.

Da queste tre figure ne ricaviamo un archetipo preciso, che è quello della donna selvaggia, possiamo azzardare anche a rivederle nell’aspetto di Dea Madre, carnificazione della Terra, liberata dalla bruta mascolinità che ne vuole castrare la creatività, la spontaneità nell’ essere feconda. I pagani romani questo lo sapevano bene, sapevano bene quanto fosse importante l’espressione dell’amore carnale e purificato dal peccato, visto come massima espressione della vitalità che fa proseguire le discendenze, la vita tutta. È per questo che furono istituite le Lupercalia, checché se ne dica oggi di tutti i colori.

La Lupa: così era anche chiamata la prostituta nell’antica Roma.

Al contrario di quanto si pensi oggi, l’amore  carnale mercificato ai tempi dei Romani era una cosa considerata come naturale sfogo degli istinti, poiché lo sfogo carnale aumenta lo slancio vitale e fa felici i popoli. Sul Palatino (guarda caso proprio qui) vi erano costruite delle lupanare, ovvero bordelli, in cui lavoravano donne altolocate o fanciulli liberi (sì, l’omosessualità era cosa normale!).  quindi ad aver accolto Romolo e Remo potrebbe essere stata si una Lupa, ma inteso come sacerdotessa del sesso, che li allattò per poi consegnarli in adozione a Faustolo ed Acca Larentia.

I riti delle Lupercalia sono molto carnali e si suddividono in ben due momenti. I Luperci, sacerdoti del Fauno, si premuravano di sacrificare una giovane capra e dei cani, animali dal forte istinto sessuale,  per auspicare la fertilità. Dopodiché due giovani  di nobili origini, scelti precedentemente, venivano toccati sulla fronte con una spada sporca del sangue sacrificale. La Lama veniva poi ripulita con della lana vergine imbevuta nel latte e questi giovani dovevano scoppiare a ridere fragorosamente.

Ai Luperci veniva poi offerto un abbondante banchetto,m in cui venivano serviti con scrupolo. Successivamente questi tagliavano la pelle della capra sacrificata in tante strisce (februa) e le usavano per vestirsi e assomigliare così al dio Lupercolo. Con le strisce avanzate frustavano simbolicamente le persone della città, rincorrendole. Così auspicavano fecondità e pulivano simbolicamente anche la terra pronta ad accogliere le sementi.

San Valentino è ciò che rimane di queste feste, oramai cristianizzate, e mantiene celato il significato dell’amore di coppia volto alla fecondità,  custode della forza vitale ormai castrata dalla cristianizzazione e riduzione al peccato di tutte le forme di gioia spontanea. Il papa Gelasio I nell’ invettiva Adversus Andromachum senatorem proibì ai fedeli di partecipare in qualsiasi modo a queste feste e fece in modo che fossero sostituite dapprima con la festa di Santa Febronia nel 494 d.c. (ora 25 giugno) e poi cambiata con quella di San Valentino. Valentino, ovvero ‘’soldato di valore’’ è anche conosciuto per avere intrapreso una durar battaglia contro il paganesimo, subendo il martirio sotto il regno di Aureliano il 14 febbraio 273.

La gioia di vivere sopravvive nella storia.

.: Focolari a Nord- Est :.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...